Dice di non essere un evasore perché pensava “di essere in regola”. Inoltre, “se la guardia di finanza mi avesse detto che dovevo pagare lo avrei fatto senza problemi”. Flavio Briatore, indagato per reati fiscali legati al noleggio dello yacht Force Blue, si è difeso così nel corso dell’interrogatorio davanti al gup Nadia Magrini.

I sostituti procuratori Walter Cotugno e Patrizia Petruzziello gli contestano di aver ‘simulato’ il noleggio dello yacht per godere di tariffe agevolate in particolare sul carburante, quando Force Blue era invece solo nella sua disponibilità. Briatore ha ripercorso la sua carriera da imprenditore, parlando di tutti i suoi affari dalla Formula Uno al Billionaire fino all’uso dello yacht. “Ho usato il mio nome per fare pubblicità all’imbarcazione, che ha sempre e solo fatto attività di noleggio. Ho messo i soldi per ristrutturarlo, come ho fatto anche in altre mie attività imprenditoriali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scajola, innocente a sua insaputa

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta al Nord, processo per l’ex assessore lombardo Zambetti

next