Cannabis legale per uso terapeutico, per pazienti malati di cancro, sclerosi multipla e altre patologie. E’ questo lo scopo del disegno di legge presentato da Luigi Manconi oggi in Senato insieme al dirigente medico dell’istituto neurologico Besta di Milano, Vidmer Scaioli. “Le leggi proibizioniste sulla marijuana penalizzano i pazienti che non riescono a reperire i farmaci contenenti cannabinoidi con facilità e a volte si rivolgono al mercato nero”, afferma il dottor Scaioli. “Bisogna favorire l’accesso alla sostanza  non solo ai pazienti sdi sclerosi multipla come oggi è previsto dalla legge, e permettere anche la coltivazione per uso terapeutico”, è la proposta di Manconi. Poi c’è la questione della depenalizzazione del consumo ludico di marijuana di cui il senatore si è occupato la settimana scorsa presentando un altro disegno di legge. “Basta con questa legge criminogena come la Fini-Giovanardi che ha causato più danni che benefici – sostiene il senatore – In carcere ci sono moltissimi piccoli spacciatori che sono ritenuti tali a causa di questa legge, ma che sono semplici coltivatori e consumatori di cannabis. Sul fronte politico il senatore si mostra battagliero: “Noi andremo avanti con chi ci sta, anche con il M5s, il ddl ha l’appoggio del segretario del Pd, Matteo Renzi, il governo non cadrà per queste cose che loro, Alfano in primis, reputano quisquilie, non converrebbe a loro”  di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

FI, Santelli vs Kyenge: “Lei ha la fortuna di non doversi truccare”

prev
Articolo Successivo

Pregiudizi Universali

next