Dopo la pausa natalizia torna Servizio Pubblico, la trasmissione di Michele Santoro in onda ogni giovedì alle 21.10 su La7 e in diretta streaming su ilfattoquotidiano.it. Nella puntata di stasera “O la borsa o la vita” intervengono in studio Renato Brunetta, capogruppo Forza Italia alla Camera, Maurizio Landini, segretario generale Fiom e il giornalista di Repubblica Federico Rampini.

Siamo entrati nel 2014 e l’Italia continua a fare i conti con un Paese reale in difficoltà: la mobilità sociale è ferma, la disoccupazione cresce e il disagio giovanile pure, le tasse non si abbassano ma la Borsa nell’anno appena trascorso ha fatto un +16%. Il ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni dice “che nel 2014 le tasse caleranno”, che “sarà l’anno della svolta”, ma il gennaio degli italiani li vede ancora alle prese con i tributi: Tasi, tasse sui servizi, aumenti dei pedaggi autostradali. E il rapporto deficit/pil del 3% pare un parametro immutabile. Che anno sarà? E cosa si aspettano gli italiani? 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Social civile: Paese che vai, Twitter (delatore) che trovi

prev
Articolo Successivo

Piazza Fontana, ‘Gli anni spezzati’ e la riscrittura televisiva della storia

next