La squadra di Matteo Renzi (segretario Pd) si stringe attorno al capo e sulla questione delle dimissioni di Stefano Fassina (Pd), reagisce senza la minima titubanza: “È colpa del viceministro”. Chiara Braga, onorevole, membro della segreteria nazionale del Pd e componente di punta del team di giovani che affiancano il nuovo segretario del Partito democratico non ha dubbi. “E’ impossibile – dice – che sia bastata una battuta a far convincere Fassina ad abbandonare il governo. Evidentemente c’erano sotto questioni politiche ben più gravi”. “Matteo Renzi – aggiunge la Braga – vuole dare un impulso all’azione di Governo e non certo intralciarlo o metterlo in difficoltà”. Chiara Braga nella squadra di Renzi ha la delega ai temi ambientali. Sulla “Terra dei fuochi”, questione che a livello di propaganda ha avuto un ruolo importante nella campagna elettorale per le primarie del sindaco di Firenze, è fiduciosa. “In effetti – dice – occorre che il Governo stanzi più risorse per le bonifiche, ma bisogna ragionare al di là dei finanziamenti e fare ragionamenti più in generale, per evitare che la partita divenga l’ennesimo piatto goloso servito alla tavola della criminalità organizzata”  di Fabio Abati

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni in Sardegna: il bacino di voti del M5S e la voglia di trasparenza

prev
Articolo Successivo

Legge elettorale, trattativa fra Renzi e Berlusconi per elezioni a maggio

next