Il Presidente della Repubblica ha lasciato la città.

Esprimiamo massimo disappunto per tutti i collaborati e i consiglieri della Presidenza, i quali -evidentemente- non hanno ritenuto opportuno alcuna uscita pubblica del Presidente (per la prima volta, fatto inconsueto) adducendone diverse giustificazioni, prima la sicurezza, poi la salute, il cattivo tempo etc. 

Da sempre il Popolo napoletano e campano è stato pacifico e l’ha saputo dimostrare ampiamente in numerose occasioni, soprattutto nelle manifestazioni del 26 Ottobre e del 16 Novembre scorso. 

Considerata proprio la riconosciuta gravità della situazione, il non aver voluto incontrare la cittadinanza è stata una pessima decisione. Scelta di cattivo esempio per la democrazia che mina ancor di più la credibilità nelle istituzioni e la coesione civile in un Paese sfasciato e ormai in macerie. 

Nonostante i 10 mesi di Governo, denunciamo che il recente Decreto Legge del CdM è stato partorito senza previa consultazione dei diretti interessati, cittadini e professionalità, ed ora è impossibile rimediarne le disfunzioni strutturali con dei semplici emendamenti. Pertanto non ci accontenteremo di promesse, telefonate e letterine. 

Prendiamo atto che il Presidente così com’è venuto, è andato via. 

La Mobilitazione Generale continua!
per La Terra dei Fuochi
via #laterradeifuochi hashtag #Patriciello #Napolitano#terradeifuochi #StopAiRoghi #Gambrinus #Napoli #Vergogna

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuova Zelanda: se l’isola affonda c’è diritto di asilo?

next
Articolo Successivo

Politica energetica italiana: via col gas

next