Una donna di 68 anni e il figlio di 42 sono morti questa notte nell’incendio che ha distrutto il loro appartamento nel centro storico di Assisi. I vigili sono arrivati in via Merry del Val non appena ricevuta la chiamata, alle 2.35, e hanno cercato di salvarli ma il rogo aveva già avvolto i due livelli dell’abitazione. Le fiamme sarebbero state provocate da una sigaretta lasciata accesa dall’altro figlio della donna, caduta sul piumone del letto dopo che l’uomo si è addormentato. Per questo, la Procura della Repubblica di Perugia ha aperto un’indagine ipotizzando a carico dell’uomo i reati di incendio e omicidio colposo.

Il fuoco si sarebbe esteso rapidamente al materasso e ad alcuni libri e il fumo avrebbe raggiunto il piano superiore provocando la morte della madre e del fratello.

Madre e figlio, che erano in pigiama, sono stati trovati dai vigili del fuoco in cucina dove avevano cercato probabilmente di rifugiarsi. Personale medico ha anche tentato di rianimarli ma i soccorsi sono stati vani. A dare l’allarme è stato proprio l’altro figlio che è riuscito a mettersi in salvo. L’abitazione si trova a poche centinaia di metri dal Convento di Assisi, nel centro storico della città. La famiglia è molto conosciuta: la donna e il figlio gestivano un bar e un albergo. Le indagini sono condotte dai carabinieri di Assisi, coordinati dal sostituto procuratore Manuela Comodi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Difende test su animali. Giovane malata riceve auguri di morte su Facebook

next
Articolo Successivo

Comuni, da Padova al resto d’Italia: il popolo dei doppiolavoristi. ‘Incontrollabile’

next