Una donna di 68 anni e il figlio di 42 sono morti questa notte nell’incendio che ha distrutto il loro appartamento nel centro storico di Assisi. I vigili sono arrivati in via Merry del Val non appena ricevuta la chiamata, alle 2.35, e hanno cercato di salvarli ma il rogo aveva già avvolto i due livelli dell’abitazione. Le fiamme sarebbero state provocate da una sigaretta lasciata accesa dall’altro figlio della donna, caduta sul piumone del letto dopo che l’uomo si è addormentato. Per questo, la Procura della Repubblica di Perugia ha aperto un’indagine ipotizzando a carico dell’uomo i reati di incendio e omicidio colposo.

Il fuoco si sarebbe esteso rapidamente al materasso e ad alcuni libri e il fumo avrebbe raggiunto il piano superiore provocando la morte della madre e del fratello.

Madre e figlio, che erano in pigiama, sono stati trovati dai vigili del fuoco in cucina dove avevano cercato probabilmente di rifugiarsi. Personale medico ha anche tentato di rianimarli ma i soccorsi sono stati vani. A dare l’allarme è stato proprio l’altro figlio che è riuscito a mettersi in salvo. L’abitazione si trova a poche centinaia di metri dal Convento di Assisi, nel centro storico della città. La famiglia è molto conosciuta: la donna e il figlio gestivano un bar e un albergo. Le indagini sono condotte dai carabinieri di Assisi, coordinati dal sostituto procuratore Manuela Comodi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Difende test su animali. Giovane malata riceve auguri di morte su Facebook

prev
Articolo Successivo

Comuni, da Padova al resto d’Italia: il popolo dei doppiolavoristi. ‘Incontrollabile’

next