“Sono contento di non essere in Parlamento. Ho sempre difeso le prerogative dei parlamentari ma ora dico: meglio non esserci, la categoria non è difendibile”. Lo dichiara Vittorio Sgarbi, che aggiunge di essere stato parlamentare per quattro legislature e che da ministro ha dato il via alla riqualificazione del porto di Trieste e della ricostruzione del Petruzzelli. E sottolinea: “È giusto non pagare le tasse. Devo pagare per un’Italia devastata dalle pale eoliche, dalle rotatorie, dal fotovoltaico, per dare i soldi alle Regioni”. Sgarbi poi si chiede cosa direbbe Ezra Pound su CasaPound

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, testimonianza shock dell’ultrà di Nichelino

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, i Forconi di Danilo Calvani

next