Accordo sulla garanzia per i depositi tra Parlamento e Consiglio Ue: in base alle nuove regole, che compongono un altro tassello dell’Unione bancaria, i depositi sotto i 100mila euro, oggi garantiti dagli Stati, in caso di default di una banca saranno garantiti da un fondo alimentato dalle banche stesse. Sarà quindi creato un fondo in ogni Stato, che dovrà raggiungere entro dieci anni lo 0,8% dei depositi, e i correntisti potranno riavere i loro soldi indietro entro sette giorni.

“E’ un buon giorno per i contribuenti e i correntisti, abbiamo interrotto il legame tra i contribuenti e le banche, e i correntisti potranno avere i loro soldi indietro più in fretta”, ha detto l’eurodeputato Peter Simon (S&D) che ha seguito i negoziati durati tre anni tra Parlamento e Consiglio. Le banche contribuiranno al fondo in base al loro profilo di rischio e quelle che portano avanti attività più rischiose contribuiranno di più. L’accordo deve ora passare di nuovo all’Ecofin per l’approvazione definitiva.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Corte Conti: “Risultati Equitalia limitati da normativa pro consumatori”

next
Articolo Successivo

Banco Popolare, Procura Milano chiede confisca 127 milioni per Italease

next