Elisabetta Gualmini e Daniela Santanché accendono la discussione in studio: dagli interrogatori in caserma alle accuse di corruzione. La pitonessa attacca Travaglio e “Il Fatto quotidiano”, menzionando Ingroia, il cui interrogatorio a Berlusconi finì 2 giorni dopo sulle pagine della nostra testata. . E ricorda che il padre era grande amico di un magistratura. Gualmini contesta il fatto che non si accetti una sentenza definitiva e osserva: “In Gran Bretagna un politico si dimette se si scopre che non paga i contributi delle colf”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Santanchè vs Dragoni: “Lei dà i numeri al lotto”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, la lettera di Berlusconi al Movimento 5 Stelle

next