E’ morto lo scrittore Marcello D’Orta, autore fra l’altro del libro “Io speriamo che me la cavo“. D’Orta, nato a Napoli il 25 gennaio 1953, si è spento nella sua città dopo aver combattuto il cancro. I funerali saranno celebrati domani alle ore 12 nella Basilica di San Francesco di Paola, in piazza Plebiscito a Napoli, dove l’omelia sara tenuta dal figlio, padre Giacomo, sacerdote della congregazione religiosa dei Minimi di San Francesco.

Maestro elementare per una dozzina di anni, fino al 1990,  D’Orta divenne famoso in quello stesso anno pubblicando da Mondadori un libro destinato a diventare un bestseller, “Io speriamo che me la cavo”, che ha venduto più di un milione di copie. Nel libro erano raccolti sessanta temi scritti da ragazzi di una scuola elementare della città di Arzano, in provincia di Napoli.

Liberamente ispirato a questo libro l’omonimo film del 1992 diretto da Lina Wertmuller e interpretato da Paolo Villaggio.  Nel 2007 il libro è diventato una commedia con Maurizio Casagrande, con le musiche di Enzo Gragnaniello. A “Io speriamo che me la cavò seguirono altri titoli: tra gli altri: “Dio ci ha creato gratis. Il Vangelo secondo i bambini di Arzano”, “Romeo e Giulietta si fidanzarono dal basso. L’amore e il sesso: nuovi temi dei bambini napoletani”, “I nonni se non ci fossero bisognerebbe inventarli. Trecento pensieri e disegni di bambini sui nonni”. E poi anche “Il maestro sgarrupato. Il tema della mia vita (e nuovi temi dei miei alunni)”. “Maradona è meglio ‘e Pele. I bambini di Napoli giudicano il Pibe de oro”.

Fuori dalla formula che gli ha dato il successo, D’Orta ha scritto inoltre molte altre opere; l’ultimo pubblicato “Cuore di Napoli. Viaggio sentimentale tra i vicoli e i bassi della città”. D’Orta non era più maestro da 23 anni “grazie” o “per colpa” del successo. Eppure lo scrittore ha sempre detto di sentirsi un maestro a tutto tondo, perché ha continuato a frequentare insegnanti, a occuparsi di scuola e soprattutto perché, amava ripetere, “se lo si è fatto con passione, maestro si rimane per tutta la vita”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Doris Lessing, grazie

next
Articolo Successivo

Animali: non baciare il can che dorme, regole per non farsi mordere

next