Centodiecimila posti di lavoro regolari in meno; 6,9 miliardi di euro all’anno: questi alcuni dei numeri della contraffazione in Italia presentati in occasione della giornata di mobilitazione nazionale di Confcommercio “Legalità, mi piace!”. E ieri, nella sede milanese di Confcommercio, a combattere la contraffazione si è unita anche Tiziana di Masi con lo spettacolo teatrale Tutto quello che sto per dirvi è falso.

Tiziana Di Masi_spettacoloUn progetto teatrale che cerca di seminare cultura della legalità partendo dal fenomeno della contraffazione come problema sociale prima ancora che economico: “Se non ce ne frega niente dei soldi che fanno le mafie, almeno pensiamo alla nostra salute”, ammonisce l’attrice durante lo spettacolo, mentre mostra la fotografia di un bambino sfigurato a causa del tessuto del divano su cui si era addormentato, trattato con prodotti chimici pericolosi e smerciato in Gran Bretagna.

E d’altronde “è un lavoro socialmente accettato quello del falsario”. Chi non si è fermato, anche per risparmiare, ad una bancarella per comprare vestiti, scarpe, borse praticamente uguali a quelle di marca, ma che di marca non sono? Il 20% dei guadagni dei clan della camorra arriva dalla contraffazione, e non solo degli accessori d’abbigliamento. Sono 50 i clan coinvolti nella contraffazione alimentare che costa 2 miliardi di euro all’anno: il 5% della produzione nazionale.

E quando anche compriamo qualcosa dal “vu cumprà” che ci fa pena, Tiziana di Masi nel suo spettacolo ci interroga: “Chi ci guadagna davvero? Il poveretto che vive per strada, o quello che lo tiene alla catena?”. Ce lo chiediamo dove finiscono realmente i soldi degli accendini, delle rose, degli ombrelli che compriamo dagli ambulanti quando piove? La risposta è semplice: alle associazioni criminali, per lo più quelle mafiose.

La repressione della contraffazione c’è, ma non può bastare. È una guerra che i commercianti onesti hanno combattuto da soli, ed è una guerra che invece chiede lo sforzo quotidiano di tutti. La conclusione di come deve andare a finire, è scritta tra le righe di questo spettacolo. Se “l’economia è fatta di vittime e di carnefici, le prime si aiutano, ma le seconde si combattono”. Ed allora questa guerra la vinceremo aumentando le multe a chi compra. La vinceremo quando smetteremo di comprare roba di nessun valore, e la vinceremo quando compreremo non solo ciò che è bello, ma anche ciò che è giusto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Ndrangheta a Reggio Emilia: sequestrati 3 milioni di euro a cosca Grande Aracri

next
Articolo Successivo

Mafie, in Emilia Romagna attivi 80 clan. “Alleanza tra le organizzazioni criminali”

next