“La Santa Sede non ha autorizzato la rappresentazione del testo di Franca“. Dario Fo è sbigottito mentre racconta lo strano caso del diniego all’utilizzo dell’Auditorium della Conciliazione (di proprietà del Vaticano), la sala romana dove a gennaio il premio Nobel avrebbe dovuto portare in scena In fuga dal Senato“, testo scritto da Franca Rame dopo la sua esperienza a Palazzo Madama. Si tratta di un testo che Fo ha tratto ha tratto dal libro della moglie, pubblicato postumo da Chiarelettere, in cui l’attrice, scomparsa a maggio, ha raccontato la sua esperienza di senatrice, dall’aprile del 2006 alle dimissioni nel gennaio 2008, e delle sue battaglie di una vita. Un’opera che racchiude un’esperienza di vita e di azioni spesso contrastate perfino quando si trattava di carceri, lotta alla droga, opposizione alla guerra e ai massacri dietro i quali spesso si intravvedono chiaramente interessi giocati nell’affare e nel profitto. “Io sono basito dalla superficialità e dalla mancanza di apertura mentale di questa Chiesa che è rimasta indietro rispetto a se stessa – spiega Fo mentre racconta di aver scritto una lettera aperta sul caso. – E’ una posizione che non si comprende, un autogol tremendo, soprattutto con un papa come Francesco. E in un periodo di crisi del teatro rinunciare ad uno spettacolo che avrebbe fatto riempire la sala è una follia”.

Fabrizio De Giovanni, che da anni lavora a fianco di Fo nell’organizzazione dei suoi spettacoli, spiega i retroscena della vicenda: “Quando è emersa la volontà di portare questo spettacolo in dieci teatri italiani, per la tappa romana non abbiamo esitato a chiedere la disponibilità dell’Auditorium della Conciliazione. All’inizio ci è arrivata una risposta entusiastica. Poco dopo, però, è arrivato lo stop, prima a voce poi per iscritto”. Un diniego chiarissimo e incomprensibile: “Il no allo spettacolo di Dario è arrivato dalla società “I borghi srl” (la concessionaria che gestisce l’auditorium, ndr) che a sua volta l’ha ricevuto dall’Apsa (Amministrazione del patrimonio della sede apostolica)”. Quindi, prosegue, ” direttamente dalla Santa Sede che, a quanto pare, non gradisce questo spettacolo. Una posizione che non comprendo e su cui non abbiamo avuto chiarimenti”. 

Una vicenda tanto più incomprensibile se si pensa che in passato, nella stessa sala, è stata proposta la rappresentazione di “Mistero Buffo“, un testo duramente contestato e osteggiato dal Vaticano al cui confronto “In fuga dal Senato” non dovrebbe rappresentare alcun problema per la Chiesa. Dario Fo non ha perso tempo e ha immediatamente scritto una lettera aperta, indirizzata ai responsabili di questa inaspettata censura: “Io non sono riuscito a parlare con nessuno – ha detto – sono certo che non faranno marcia indietro, per loro sarebbe la morte, ma sono pronto a parlare con chiunque”. Il testo della lettera lascia poco spazio all’interpretazione: “Exultamus! Abbiamo tutti gridato di gioia per l’apparizione di Papa Francesco. Il fatto è che la sua elezione è qualcosa di davvero straordinario poiché questo Papa è il simbolo eccezionale del rinnovamento della Chiesa”.

Poi continua: “tutti si rendono conto che in questo contesto il cambiamento è frenato soprattutto dall’interno della Chiesa. Un caso macroscopico è il divieto della rappresentazione dell’opera teatrale basata sul libro di Franca Rame dal titolo In fuga dal Senato che dovrebbe andare in scena proprio a Roma, all’Auditorium della Conciliazione”. Di fronte a questa censura, dopo lo sbigottimento, Dario Fo pone un interrogativo: “Come può una Chiesa continuare con gli ostruzionismi da guerra fredda che in Italia abbiamo subito nell’ultimo mezzo secolo, ancora con la censura e il divieto? E ciò significa buttare un’ombra lunga e grigia sullo splendore e la gioia che Papa Francesco ci sta regalando”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’ex assistente parlamentare, il bingo e gli hotel: esposto M5S dopo inchiesta Iene

next
Articolo Successivo

Il Santo Padre e Dario Fo

next