Mentre la politca americana tratta a oltranza, le banche fanno i loro conti. E i risultati non devono essere stati molto confortanti, se JPMorgan Chase ha deciso di vendere tutta la parte di debito Usa in suo possesso in scadenza a breve termine, cioè con pagamenti previsti fra il 16 ottobre e il 6 novembre.

Una scelta analoga, del resto, era stata annunciata il giorno prima da un altro colosso americano, il gruppo finanziario Fidelity Investments che aveva fatto sapere di non avere più alcuna parte di debito dello Stato Usa in prossimità del momento in cui gli Stati Uniti potrebbero sfondare il tetto previsto.

Le mosse giungono mentre per l’America si teme il default, visto che repubblicani e democratici non hanno ancora raggiunto un accordo per porre fine allo shutdown del governo né un’intesa per l’innalzamento del tetto del debito, che va compiuto entro metà ottobre.

Secondo JPMorgan Chase la probabilità di un default del governo Usa è bassa, ma il gigante dell’investment banking sta adottando delle precauzioni per tutelare gli investitori e, quindi, se stesso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tetto debito Usa, prove d’intesa con stallo tra Obama e i repubblicani

prev
Articolo Successivo

Alitalia-Poste, Passera: “Operazione potenzialmente positiva”

next