Fino a centomila euro a informatici, ingegneri e soprattutto medici che vogliono fare ritorno a casa. Sono queste le principali categorie a cui si rivolge la fondazione German scholar organisation (Gso), che ha deciso di offrire questa cifra agli accademici tedeschi all’estero affinché ritornino in patria. Un modo per rimediare così alla carenza di personale altamente qualificato. I ‘cervelli’ che sperano di fare rientrare sono in particolare quelli trasferiti in Svizzera, dove gli stipendi per questo tipo di personale sono in genere superiori.

Il vincitore può ricevere il premio sotto forma di un aumento di salario, oppure utilizzarlo a scopi di ricerca. Su incarico del ministero dell’economia bavarese, la fondazione ha lanciato il programma ‘Return to Bavaria’ con un occhio di riguardo alla Svizzera dove, stando alle statistiche dell’Ocse per il 2012, il 65% dei tedeschi occupa funzioni altamente qualificate. Altri Länder hanno avviato programmi analoghi, affidandosi ad altre organizzazioni specializzate.

L’anno scorso, la Gso – fondazione che agisce in nome delle università germaniche con finanziamenti perlopiù privati – è riuscita a convincere quattro universitari a far ritorno in patria per occupare posti di prestigio. L’iniziativa dell’organizzazione starebbe provocando un calo delle candidature negli ospedali svizzeri per mansioni qualificate, scriveva domenica la Nzz am Sonntag, ma è presto per dire se questi programmi riusciranno ad arginare l’emorragia di talenti dalla Germania verso altri Paesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ballerina in Olanda. “In Italia ti vogliono magra, alta e giovane. Qui più rispetto”

prev
Articolo Successivo

Giovani italiani ‘poco internazionali’: colpa di scuola e genitori chioccia

next