“La mensa è un servizio pubblico e come tale va pagato“. La giunta leghista del Comune di Vigevano (in provincia di Pavia), guidata dal sindaco Andrea Sala, non fa retromarcia e anche quest’anno esclude dal servizio mensa i bambini delle scuole pubbliche dell’obbligo, le cui famiglie risultano morose per il pagamento dei buoni pasto. A ribadire la linea intransigente dell’amministrazione comunale è l’assessore Brunella Avalle, con delega specifica alla refezione scolastica, che spiega anche: “Il problema è che si sono volute le scuole col tempo pieno lasciando ai Comuni tutti gli oneri”. Intanto oltre 200 bambini, molti di loro di origine straniera, che frequentano l’asilo e le elementari vengono esclusi dal servizio mensa: i genitori che riescono possono andarli a prendere durante l’orario del pasto, gli altri sono costretti a mangiare un panino in un’aula  di Fabio Abati

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lampedusa, Papa Francesco: “Vergogna assoluta”

next
Articolo Successivo

Naufragio Lampedusa, quasi 200 morti tra i migranti. Trovato il relitto

next