Ennesimo incendio in un’impresa che lavora al cantiere della Tav in Valsusa. Stavolta ad andare a fuoco è stato all’ora di pranzo un mezzo meccanico che si trovava nel cortile della Geomont di Bussoleno, in provincia di Torino. Il mezzo era stato usato durante la notte al cantiere di Chiomonte. A dare l’allarme è stata la compagna del titolare. Sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri di Susa che indagano sull’eventuale dolosità. Al momento, tuttavia, i carabinieri e i vigili del fuoco non hanno trovato alcun innesco e l’episodio non è stato rivendicato.

L’attentato incendiario alla Geomont è il 15esimo episodio di violenza in Val di Susa dall’inizio di luglio. Sempre nella ditta di Bussoleno due compressori ed una macchina, utilizzata abitualmente per trivellare nell’ambito dei lavori della Tav, erano andati a fuoco in un capannone, il 31 agosto scorso. L’attentato non è mai stato rivendicato. Sul cancello della Geomont sono comparse le scritte: “NoTav. Vergogna”. “Basta con le intimidazioni No Tav in Valsusa”, commenta, su Twitter, il senatore del Pd Stefano Esposito, da sempre convinto sostenitore della nuova linea ferroviaria Torino-Lione. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rostagno, Torino non gli dedica il ponte. I familiari lanciano un mailbombing

next
Articolo Successivo

Bologna, inchiesta sul neurochirurgo: “Protesi difettose alla spina dorsale”

next