Al cinema Nosadella dal 19 al 22 settembre la settima edizione con più di 50 film. In prima europea le commedie Heterosexual Jill, Who’s Afraid of Vagina Woolf? e Dance of the Orchids, il primo film nepalese che racconta una storia lesbica. Ospite d’eccezione Aurélie Lemanceau, l’attrice protagonista de La vie d’Adele che ha vinto a Cannes.

Lesbiche resistenti, questo il tema portante di “Some prefer cake”, il festival internazionale di cinema lesbico giunto alla settima edizione, in programma a Bologna dal 19 al 22 settembre. Le lesbiche resistenti, secondo le curatrici della rassegna, sono le vittime dei crimini d’odio in Sudafrica, oppure le attiviste cinesi che reagiscono contro le imposizioni del regime con strategie creative di guerrilla festival e flash mob, o ancora le donne che reagiscono ridendo, come avviene nella commedia Heterosexual Jill, che si vedrà in prima europea al Some prefer, e nell’ultimo film di Anna Margarita Albelo, Who’s afraid of Vagina Woolf?

“Lesbiche, gay e trans infatti sono scomodi quando sono visibili, quando producono e promuovono cultura diversa”, spiegano la direttrice artistica Luki Massa, “quando invece che richiedere di essere un soggetto integrato ed emulare la normalità affermano la propria differenza, si raccontano e così facendo (ri)costruiscono la propria storia”.

Il festival cresce quest’anno di un giorno di programmazione e propone 51 film di cui 21 prime, 8 delle quali europee, tre mostre fotografiche e poi presentazioni di libri, uno spettacolo di danza, una performance teatrale e un concerto, oltre ad una visione esclusiva come l’opera prima di Subarna Thapa Soongaya, Dance of the Orchids, il primo film nepalese che racconta una storia lesbica.

Ospiti del festival 2013 saranno: Cheryl Dunye, autrice cult della cinematografia legata alle lesbiche resistenti, che negli anni novanta ha dato voce alle lesbiche afroamericane e alla quale sarà dedicata una retrospettiva; la regista Anna Margarita Albelo, la direttrice del festival belga “Elles Tournent”; Marie Vermeiren; e la performer e attrice franco-inglese Aurélie Lemanceau, interprete del ruolo di Sabine ne La Vie d’Adèle, il film vincitore dell’edizione 2013 del Festival di Cannes.

Il programma prevede anche le mostre fotografiche “[sur]passing” di Lola Flash, Switcheroo di Hana Pesut e Distrazioni di Lucideddu. Fra le altre iniziative in cartellone, le presentazioni dell’e-book Visioni lesbiche di Federica Fabbiani e del libro Virginia Woolf. Ho comprato la mia libertà di Alessia Ballini. Tutte le proiezioni saranno ospitate da Nuovo Cinema Nosadella, in via dello Scalo.

Il programma completo sul sito www.someprefercakefestival.com

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cinema, 105mila euro dalla Regione Emilia Romagna per realizzare film documentari

prev
Articolo Successivo

Lucca Film Festival 2013, il miracolo della cinefilia che resiste

next