“Il circolo del tennis di Giuliano Amato sponsorizzato da Mps? Era uno dei compiti istituzionali della Fondazione”. A dirlo è Massimo D’Alema, ospite della festa del Pd a Milano, che minimizza l’interessamento dell’ex presidente di Mps Giuseppe Mussari per il tennis club di Orbetello, da sempre una delle grandi passioni del ‘dottor sottile’. La vicenda emerge da un’intercettazione del 2010 tra Amato e lo stesso Mussari, ora agli atti dell’inchiesta della Procura di Siena sull’acquisizione di Antonveneta. Nel corso della telefonata, l’ex premier chiede espressamente il ripristino della sponsorizzazione per il torneo tennistico, ridotta di 25mila euro rispetto all’anno precedente. “Siamo all’osso”, spiega il politico. “Contaci”, risponde il banchiere, che ha da poco incassato la sponsorizzazione di Amato per la sua candidatura ai vertici dell’Abi, lanciata a febbraio 2010 e andata a buon fine nel giugno dello stesso anno. “Di questo non so nulla, dovete chiedere ad Amato”, si limita a commentare D’Alema, che con l’amico Giuliano condivide anche l’impegno nella Fondazione Italiani Europei. “Ma sul fatto che una Fondazione bancaria sostenga tornei di tennis, di scacchi, mostre, non c’è assolutamente nulla di strano”. Prima di iniziare il dibattito in programma, D’Alema si concede un giro tra i volontari della festa. E qualcuno lo vorrebbe al Quirinale. “Per l’amor di Dio”, scherza lui, “è un lavoro per persone anziane. Io sono giovane” di Franz Baraggino

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Letta: “In Italia troppo conservatorismo, dobbiamo cambiare la costituzione”

next
Articolo Successivo

C’eravamo tanto Amato

next