“Le meduse sono come gli zingari: inutili e fastidiose”. La frase è di Stefano Ballerani, esponente del Pdl genovese e vicepresidente del Consiglio comunale di Genova. Ballerani l’ha postata su Facebook durante un suo soggiorno in Corsica. L’affermazione è stata poi fatta sparire, ma è rimasta visibile il tempo necessario per far scattare la polemica. La vicenda è raccontata dall’edizione genovese del Secolo XIX. “Uscita sconveniente, per questo – dice Ballerani al quotidiano – l’ho cancellata. Avevo appena letto di una serie di furti degli zingari, poi ho visto le meduse e mi è venuta questa associazione di idee, ho sbagliato. Avrei scritto cose analoghe anche se i protagonisti dei furti fossero stati dei ragazzi di Albaro”. 

Intervistato dal giornale di Genova, il politico ha smorzato i toni, ricordando però la sua idea in merito ai campi nomadi: “Senza ripensamenti”, ha concluso, “dico pure questo: se sono nomadi che ‘nomadizzino’. Non ha senso mantenere campi stanziali. La mia è stata una frase così, ciò non toglie che su certe battaglie le mie idee sono chiare. Come per i centri sociali. Tutti sanno come la penso e nella mia attività politica ho sempre affermato le stesse cose. Con coerenza”.

Prima della cancellazione del post su Facebook, Balleari – descritto come politico pacato – ha ottenuto sei mi piace e il commento della collega di partito Cristina Scarfogliero: “Dovresti mandarla al vicesindaco che dice ‘poverini’, magari difende anche le meduse”. Ma c’è chi, nel suo partito, prende le distanze. Imbarazzato invece l’esponente del Popolo della libertà Matteo Campora è “Una frase inopportuna, uno scivolone”.

E ad attaccare Balleari è il capogruppo del Pd in Comune Simone Farello: “Facebook è un luogo pubblico, come la Sala Rossa di Palazzo Tursi (aula del Consiglio comunale, ndr) e allora scrivere una cosa sul social network equivale a dirla in Consiglio. Di questa storia se ne dovrà parlare anche in aula”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il killer non sa cos’è la morte

next
Articolo Successivo

Serie A, Kyenge: “Fare squadra per debellare razzismo e xenofobia”

next