Anche Mosca, dopo Kiev, ha chiesto alla Francia l’estradizione del dissidente kazako Mukhtar Ablyazov. La notizia è resa nota dal vice procuratore russo. 

”Abbiamo inviato una richiesta di estradizione al ministero della giustizia francese di questo per così dire ‘imprenditore’ per processarlo con l’accusa di frode, riciclaggio e altri reati”, ha spiegato il viceprocuratore generale, Aleksander Zviaghintsev, al quotidiano Rossiskaya Gazeta, organo del governo. L’inchiesta russa ruota intorno alla presunta sottrazione di oltre 5 miliardi di dollari della banca kazaka Bta. Tuttavia, Francia e Kazakhstan non hanno un trattato di estradizione, e anche per la Russia potrebbero esserci ostacoli di tipo procedurale. L’Ucraina, quindi, resta la destinazione più probabile, secondo Ria Novosti. Arrestato il 31 luglio vicino a Cannes, Ablyazov è al centro di varie inchieste legate alla banca Bta, oggetto di una presunta frode di 12 miliardi di dollari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Siria, Onu: “Chiarezza su armi chimiche”. Francia minaccia uso della forza

prev
Articolo Successivo

Erdogan contro tutti. Lo ‘splendido isolamento’ della Turchia

next