La 19 enne Amina Sboui, nota come la “Femen tunisina” – è attesa entro la serata. A decidere di porla in libertà provvisoria – era in carcere dal 19 maggio – è stato il giudice presidente della “Chambre d’accusation” di Sousse, giudice d’appello a cui si era rivolta la procura di Kairuan per contestare l’alleggerimento delle accuse contro di lei. Il giudice ha disposto che Amina venga processata solo per presunta “profanazione di tombe”. Nei giorni scorsi era stata prosciolta invece dall’accusa di oltraggio alle guardie carcerarie.

L’avvocato Souhaib Bahri, il primo a offrirsi a maggio per la difesa di Amina ha dichiarato al Fatto Quotidiano: “abbiamo fatto un grande lavoro difensivo, il collegio si è allargato a prestigiosi avvocati, abbiamo favorito presssioni di opinione pubblica internazionali, non potevano che spuntarla prima o poi, di fronte alla inconsistenza delle accuse”. Nel frattempo in Tunisia continuano ogni sera le manifestazioni per le dimissioni del governo a guida islamista e la formazione di un nuovo governo di unità nazionale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Datagate, Snowden ottiene l’asilo per un anno in Russia. Usa: ‘Delusi’

prev
Articolo Successivo

Caso Ablyazov, luci e ombre di un dissidente e l’imbarazzo della Francia

next