Federica Pellegrini d’argento nei 200 stile libero ai Mondiali di nuoto di Barcellona

Il 2013 doveva essere (e in parte in fondo è stato) l’anno sabbatico, del riposo dopo la grande delusione delle Olimpiadi. A Londra Federica è affondata come tutto il nuoto azzurro: due quinti posti insoddisfacenti, polemiche prima, durante e dopo le gare. Fino agli annunci shock: “Forse lascio”, poi mitigato in “Stacco per un anno”, fino a diventare “Sarà una stagione più soft”. Per “staccare” e rilassarsi, quest’anno la Pellegrini si è dedicata al dorso: disciplina in cui si è preparata con successo negli ultimi mesi e sarà impegnata nei prossimi giorni ai Mondiali. Nei 200 dorso può puntare al podio. Ma agli altri 200 – i suoi 200, quelli stile libero – non ha saputo rinunciare.

Di una sua partecipazione ‘last minute’ si sussurrava da mesi. Lo zampino decisivo probabilmente ce l’ha messo Philippe Lucas, il tecnico francese di cui pare aver bisogno. E la scelta ha pagato: seconda con 1’55“14, davanti alla favorita, la francese Camille Muffat e alle spalle solo della statunitense Melissa Franklin che ha toccato in 1’54“81. L’oro è sfuggito per pochi centesimi, e Federica non è riuscita a laurearsi campionessa mondiale nei 200 sl per la terza volta consecutiva, impresa mai riuscita nel nuoto femminile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bari e il Bari ostaggio dei Matarrese?

prev
Articolo Successivo

Olimpiadi di Londra, un anno dopo: il governo dà i numeri, ma la realtà è diversa

next