“Se si ferma lui si arresta l’Italia”. Mauro Fortini il famoso presenzialista dei Tg rompe il silenzio proprio il giorno della sentenza Mediaset e si scopre berlusconiano. Non proprio attendibile come fan di Berlusconi. A dare il là alle voci a favore del leader del Pdl, condannato in appello a 4 anni per frode fiscale e 5 anni di interdizione dai pubblici uffici, è un cartello di un sostenitore dell’ex premier. “Sei un mito, i parrucconi e gli invidiosi ti vogliono in croce, ma tu risorgerai, Forza Italia”, con immagini eloquenti di Berlusconi crocifisso dai magistrati. “Io sono per la giustizia, se è colpevole va condannato, ma chi ha peccato scagli la prima pietra” afferma il fan davanti alla Corte di Cassazione a Roma dove si attende la sentenza di terzo grado. E parte una piccola bagarre con i passanti che criticano il cartello a sostegno dell’ex premier  di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Incidente Avellino, dubbi sui guard rail. Pm: “Valuteremo posizione Autostrade”

prev
Articolo Successivo

Stampa greca: “Missile turco contro nave italiana che lavorava per conto di Cipro”

next