“Se si ferma lui si arresta l’Italia”. Mauro Fortini il famoso presenzialista dei Tg rompe il silenzio proprio il giorno della sentenza Mediaset e si scopre berlusconiano. Non proprio attendibile come fan di Berlusconi. A dare il là alle voci a favore del leader del Pdl, condannato in appello a 4 anni per frode fiscale e 5 anni di interdizione dai pubblici uffici, è un cartello di un sostenitore dell’ex premier. “Sei un mito, i parrucconi e gli invidiosi ti vogliono in croce, ma tu risorgerai, Forza Italia”, con immagini eloquenti di Berlusconi crocifisso dai magistrati. “Io sono per la giustizia, se è colpevole va condannato, ma chi ha peccato scagli la prima pietra” afferma il fan davanti alla Corte di Cassazione a Roma dove si attende la sentenza di terzo grado. E parte una piccola bagarre con i passanti che criticano il cartello a sostegno dell’ex premier  di Irene Buscemi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incidente Avellino, dubbi sui guard rail. Pm: “Valuteremo posizione Autostrade”

next
Articolo Successivo

Stampa greca: “Missile turco contro nave italiana che lavorava per conto di Cipro”

next