A dieci anni dalla scomparsa una serata per commemorare Giorgio Gaber. L’appuntamento è per sabato 3 agosto, all’anfiteatro di Ferento (a Viterbo), dove Michele Placido, Alessandro Haber e Lunetta Savino, sotto la regia di Raffaello Fusaro, interpreteranno alcuni brani in prosa del Signor G.

Un omaggio inedito e inusuale, in cui le parole di Gaber prenderanno nuova vita, per ricordare la necessità di combattere l’appiattimento culturale e l’assenza di un pensiero critico, e l’esigenza di superare antiche ideologie per tornare a una forma di dialogo e partecipazione. Un omaggio al pensiero civile e politico di Gaber, un grido contro la staticità, la paralisi del pensiero che precede la crisi economica in atto. Tra i brani in scaletta, “Secondo me gli italiani”, “Il voto”, “Il senso”, “La libertà”. Un ricordo di Gaber fortemente voluto dalla nuova amministrazione di Viterbo, che s’inscrive nelle manifestazioni estive organizzate a Ferento dal Comune, tra cui anche un concerto  di Angelo Branduardi il 10 Agosto. L’inizio dello spettacolo è previsto per le ore 21, ingresso libero. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Virtù e fortuna in Machiavelli

next
Articolo Successivo

Manoscritti nel cassetto 32: racconti di pesca (Nicholas Guirich)

next