Nessuno è più uguale degli altriSecondo il Giornale il post sul mio blog, nel quale annunciavo la mobilitazione del 29 luglio, davanti alla Cassazione a Roma e i tribunali in altre 8 città italiane, alimenterebbe il clima d’odio.

Ma nell’appello che abbiamo lanciato, abbiamo spiegato bene che la nostra intenzione non è “a favore né contro qualcuno ma a difesa della legalità e del principio di uguaglianza tra i cittadini sancito dalla Costituzione”.

Forse lui teme il clima d’odio perché teme la sua ombra e che gli ritornino indietro tutte le sue odiose dichiarazioni contro la magistratura di questi anni. Eccone solo alcune di quest’anno: 

11 luglio:
“Una parte della magistratura è come un’associazione segreta di cui non si conoscono gli aderenti”

 11 maggio
“Giudici politicizzati e non imparziali che non pagano mai per i loro errori e che vogliono eliminarmi perché da 20 anni sono l’unico ostacolo tra la sinistra e il potere” 

 18 aprile
“L’Anm è come la P2, non dice chi sono i loro associati”

 13 marzo
“La magistratura si è trasformata da ordine dello Stato in un potere assoluto, onnipotente e irresponsabile”

 1 marzo
“Il comportamento (dei magistrati) è una patologia del nostro sistema, è un cancro della nostra democrazia”

 24 febbraio
“Da noi la magistratura è una mafia più pericolosa della mafia siciliana, e lo dico sapendo di dire una cosa grossa”

 13 febbraio
“Abbiamo dentro la nostra democrazia un cancro e una patologia che si chiama magistratura”

La verità è che i nostri presidi saranno pacifici e solo a difesa delle istituzioni. O forse B. e il Giornale temono la forza eversiva della Costituzione, Pericle e Calamandrei che leggeremo domani dalle 18.30 in poi?

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Aspettare la Cassazione è il nostro Royal Baby

next
Articolo Successivo

Priebke compie cento anni. L’uomo delle Fosse ardeatine “certo di essere nel giusto”

next