Il Fatto.it è il quotidiano online più indipendente, coi giornalisti migliori e le firme più interessanti e ha “il merito di avere introdotto un forte cambiamento nell’informazione online“. È quanto emerge da un’indagine condotta da Human Highway per conto di Banzai e pubblicata sul blog Giornalaio, che ha analizzato il panorama dell’informazione online di attualità nel nostro Paese. Il nostro sito, inoltre, è tra quelli che più aiuta ad approfondire bene gli aventi di attualità (slide 9) ed è la seconda testata di cui i lettori si fidano maggiormente (slide 7). Emerge anche un alto “tasso” di fedeltà tra gli utenti del sito (slide 10) e dopo il Post risulta il quotidiano sul web più facile da leggere su ogni dispositivo. Ilfattoquotidiano.it (13%) è inoltre secondo, prima di Corriere.it (12%) e dopo Repubblica.it (22%), per numero di condivisioni sui social network ed è il più libero di esprimere un’opinione libera e rispettosa dei fatti (slide 8).

Lettori online e abbonamenti digitali – In termini di autorevolezza e incidenza prevalgono le testate cartacee sull’online, anche se la miglior esperienza di lettura non è quella che si ottiene dal prodotto cartaceo. La quota di chi preferisce la carta è stabile intorno a un lettore su sei. E l’online non è mai stato tanto richiesto come oggi. A informarsi sul web, infatti, sono 13,2 milioni di individui e il segmento dei fruitori abituali via Internet e mobile “raggiunge nel 2013 il 47,1% degli utenti maggiorenni. Un incremento – spiega la ricerca – dovuto a due fattori: l’apporto dei device mobili e l’aumento della frequenza media di consultazione dei siti d’informazione”. Raddoppiati gli abbonati ai servizi a pagamento che “dai 750mila del 2012 sono passati a 1 milione e 450mila del 2013” e Il Fatto Quotidiano online è al quinto posto per il numero di copie digitali vendute. In caso di un evento eccezionale, è la televisione il primo mezzo a cui accedono i lettori per avere aggiornamenti, seguito da Google e dai siti. Restringendo il campo ai solo mezzi di informazione online, al primo posto ci sono i motori di ricerca, poi aggregatori e siti e infine i social network. 

Tablet e social network – Il dispositivo dal quale “l’industria dell’informazione di attualità può ragionevolmente sperare di ottenere dei ricavi” è il tablet e “il 6,3% dell’utenza Internet ha l’abitudine di leggere le notizie su dispositivi mobili attraverso le app scaricate sul proprio device mobile (cellulare o Tablet). L’1,2% legge unicamente le notizie usando questa modalità” e “l’insieme dei lettori di notizie tramite device mobile è in grande maggioranza sovrapposto ai lettori dei quotidiani online”. Tra chi usa Internet ci sono “14,7 milioni di individui informati”, pari alla metà della popolazione che utilizza il web e  il 95% di chi utilizza dispositivi mobili per accedere al web ha installato delle app. Tra loro, “più della metà (63%) dice di utilizzarle quasi sempre o molto spesso, e si tratta di circa 9 milioni di individui”.

Imprescindibile nel cambiamento del panorama dell’informazione online il ruolo dei social network. “Negli ultimi 18 mesi – scrive la ricerca –  il numero di condivisioni rilevate su Facebook, Twitter e Google+ degli articoli delle 40 principali testate d’informazione italiane è aumentato del 200%, passando dalle 100mila medie di fine 2011 alle 300mila medie della primavera 2013″. E Ilfattoquotidiano.it è secondo per numero di condivisioni sui social network. Gli articoli più condivisi, tra i lettori italiani in generale, riguardano temi politici, di giustizia ed economia.  

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Crisi editoria, Domus chiude tre giornali: Meridiani, Volare e Quattroruotine

next
Articolo Successivo

Diritto d’autore online: il Presidente Agcom, ‘marziano delle istituzioni’

next