Insieme ad alcuni amici come Paolo Andreozzi  e Alessandro Gilioli,abbiamo deciso che non possiamo accettare che oggi si levi a Roma  la sola voce, volgare e tecnicamente eversiva, di chi vuole contestare la sentenza pronunciata ieri dal Tribunale di Milano contro Silvio Berlusconi

Per questo ci siamo convocati a Campo dei Fiori alle 18.30. Passate parola, mi raccomando…

Ecco la nostra motivazione:

Le cittadine e i cittadini di Roma che hanno a cuore, oltre che a mente, lo spirito e il testo della Costituzione Italiana, si danno appuntamento alle ore 18.30 di oggi in Campo de’ Fiori, per una pubblica lettura dei 139 articoli della nostra Carta Costituzionale.

L’intenzione è quella di sottolineare il carattere sacro e inviolabile dei principi di legalità, democrazia sostanziale, separazione e armonia tra i poteri, progresso civile, equità sociale e buon vivere sostenibile, che i Padri Costituenti hanno donato alla storia patria all’indomani del sacrificio vittorioso della Resistenza contro il nazifascismo. Le cittadine e i cittadini di Roma non possono accettare che oggi si levi dalla città la sola voce, volgare e tecnicamente eversiva, di chi vuole contestare la sentenza pronunciata ieri dal Tribunale di Milano contro Silvio Berlusconi. Volgiamo dare evidenza pacifica del fatto rilevante che di voce ce n’è anche un’altra. La nostra, quella della gente che ama la Costituzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Una buona giornata per la Costituzione

next
Articolo Successivo

Berlusconi, la Questura di Milano e la costrizione

next