Mancano poche ore al verdetto del processo Ruby in cui è imputato Silvio Berlusconi per concussione e prostituzione minorile. I giudici della quarta sezione del tribunale di Milano, presieduti da Giulia Turri, si sono riuniti in camera di Consiglio con l’accusa che ha chiesto per il Cavaliere una condanna a sei anni, cinque per concussione e uno per prostituzione minorile. I nodi principali della dialettica processuale risiedono nella descrizione delle serate che venivano organizzate ad Arcore: “Cena, bunga bunga e sesso con Berlusconi per i pm, solo “cene eleganti” e “spettacoli di burlesque” per l’imputato; e nelle telefonate che l’allora presidente del Consiglio fece la notte tra il 27 e il 28 maggio del 2010 per far rilasciare la minorenne marocchina. Ma per oggi sono attese anche le dimissioni da ministro di Josefa Idem. Il Presidente del Consiglio, Enrico Letta, riceverà l’ex atleta per la seconda volta in pochi giorni e le chiederà di lasciare l’incarico di Governo dopo lo scandalo che l’ha coinvolta: Ici non pagata per quattro anni e irregolarità edilizie: una palestra per il fitness censita come abitazione e ristrutturazioni senza autorizzazione. Di tutto questo David Perluigi (ilfattoquotidiano.it) ne parlerà in diretta streaming oggi alle ore 15,00 dagli studi della web-tv con Marco Lillo (Il Fatto), Davide Vecchi (Il Fatto) e Giovanna Trinchella (ilfattoquotidiano.it) e in collegamento telefonico con Gianni Barbacetto (Il Fatto), Antonella Mascali (Il Fatto) e Franz Baraggino (ilfattoquotidiano.it). Potete interagire inviando commenti e domande attraverso i social network de Il Fatto. Per Twitter gli hashtag sono: #FattoTv #verdetti #aloroinsaputa

Guarda la diretta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Processo Rostagno, due 007 in aula: “I servizi segreti non sanno nulla”

prev
Articolo Successivo

Idem e Berlusconi: due pesi, due misure

next