In piedi davanti al consolato turco a Milano: è la protesta silenziosa a sostegno dei ragazzi di piazza Taksim, che da settimane si oppongono al governo Erdogan del premier turco contro le contestazioni, ora il movimento “Occupy Gezy” ha abbondonato le piazze, privilegiando riunioni in luoghi aperti ma meno centrali della città o scegliendo di rimanere immobili davanti alle sedi istituzionali. Gli studenti turchi, trasferitisi a Milano per frequentare l’università, sono in contatto costante con i loro coetanei tramite internet e i social network e appena finita la sessione d’esame “torneranno in Turchia per prendere parte alla protesta”. Si raccontano come una generazione in attesa, che prima d’ora non era mai scesa in piazza a protestare: “Non era nel nostro dna. Tutti si lamentavano e basta. Ora con quello che è accaduto a Gezi park qualcosa è cambiato e non si può più fermare”. “Erdogan non può parlare solo a chi l’ha votato, ci deve ascoltare”, dice Dicle Kockar, studentessa del Politecnico, che ha creato la pagina Occupy Gezi-Milano, per documentare la situazione a Istanbul e dintorni, e per contrastare l’informazione spesso “parziale” dei media turchi tradizionali. E’ Fila Suhan, cittadino italo-turco, a denunciare ai nostri microfoni, la scarsa obiettività della tv e dei quotidiani locali di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Le sofferenze dei migranti ci costano care!

prev
Articolo Successivo

Gay Pride 2013, a Palermo in centomila. Presenti anche Crocetta e Vendola

next