Scrutini che procedono a rilento per il primo turno delle elezioni amministrative in Sicilia, che coinvolgono oltre 140 Comuni e 4 città capoluogo. Soprattutto a Messina e Catania le operazioni di spoglio ad oltre 6 ore dalla chiusura dei seggi sono state completate in appena un centinaio di sezioni. Dai primi dati, però, emerge il netto calo dei 5 Stelle, e il netto vantaggio a Catania del candidato del centrosinistra Enzo Bianco, ex ministro dell’Interno.

L’unica eccezione per il M5S riguarda Ragusa capoluogo, dove il candidato di Grillo Federico Piccitto potrebbe riuscire ad andare al ballottaggio contro Giovanni Cosentino. In generale, però, il Movimento perde consenso. Non riesce infatti a superare la soglia, ad ora del 4% a Messina con la candidata Maria Sajia ferma al 3,7%. Stessa percentuale, o poco meno, anche a Catania con la candidata Lidia Adorno.

E proprio nella più grande delle 4 città siciliane chiamate al voto, il candidato del centrosinistra Enzo Bianco è in vantaggio su quello del centrodestra, l’uscente Raffaele Stancanelli. L’ex senatore Pd supera di poco il 50% dei consensi dopo quasi 100 sezioni scrutinate rispetto al 36% di Stancanelli. Il mezzo flop del Pdl si registra anche a Messina con il candidato Enzo Garofalo. A superarlo portandosi avanti nella corsa al secondo turno è l’insegnante di educazione fisica, Renato Accorinti. Quest’ultimo potrebbe arrivare al ballottaggio con il candidato del centrosinistra Felice Calabrò. Altra sconfitta, poi del Pdl si registra, infine, a Siracusa, dove il candidato sostenuto dall’ex ministro Stefania Prestigiacomo, Edy Bandiera, non riuscirebbe a raggiungere l’obiettivo minimo del ballottaggio superato dal concorrente sostenuto da Vincenzo Vinciullo, Paolo Reale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Amministrative 2013, il ritorno di Cosimo Mele: ora è sindaco di Carovigno

prev
Articolo Successivo

Crollo Pdl: “Torniamo a Forza Italia”. Santanché: “Pronto un nuovo modello”

next