donpanino“Si è guadagnato il titolo del più grande rivale della mafia di Palermo, ma purtroppo sarà grigliato come un würstel ..” “Siciliano dalla bocca larga, fu cotto in una bomba come un pollo sul barbecue…”

Queste le spiegazioni che accompagnano i panini dedicati a Giovanni Falcone e a Peppino Impastato, venduti a Vienna nel locale Don Panino. Tra le  altre specialità della casa spiccano le focacce dedicate ai Don Buscetta e ai Don Corleone, tutti uguali mafiosi e anti mafiosi, cambia solo la salsa e la verdura di accompagnamento.

Le parole dedicate a Falcone e Impastato sono davvero oltraggiose, e nulla hanno a che vedere con l’ironia e la satira, anzi sono un vero campionario di banalità, idiozie, ma anche di un senso comune, nel migliore dei casi, paramafioso.

Per fortuna esistono donne e uomini che ancora si indignano, prendono carta e penna e scrivono appelli e petizioni, così su Change.org, la grande piattaforma dei diritti, è comparsa la richiesta di sopprimere quei panini “indigesti” e di boicottare il locale Don panino. Chi può lo firmi e lo faccia girare. Nel frattempo non sarebbe male se un qualche funzionario dell’ambasciata italiana a Vienna si recasse nel locale e li invitasse a levare dal menù : “i Falcone e gli Impastato alla griglia”, ora e subito!

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gezi Park alla milanese, il tributo del quartiere di Viale Montello

prev
Articolo Successivo

Il mago del computer vuol far sparire due banche: chi lo aiuta?

next