La Banca centrale europea mantiene i tassi di interesse invariati al minimo storico. L’economia della zona euro tornerà a crescere entro fine anno, secondo il presidente Mario Draghi, che però peggiora le stime sul Pil per l’anno in corso. La sensazione di urgenza dell’inizio di maggio si trasforma in relativa calma a giugno e i politici hanno una ragione in più per evitare nuovi stimoli. Il miglioramento delle opinioni lascia tempo a Draghi per pensare a quali misure eventualmente introdurre per aiutare l’economia che é nella più lunga recessione da quando l’euro ha iniziato a trattare nel 1999.

Ospite in collegamento Fausto Panunzi – Professore di economia politica dell’Università Bocconi da Milano: “Draghi ha detto che la Bce sta valutando una serie di opzioni per stimolare l’economia e questo é il punto sostanziale della conferenza stampa di oggi, dire stiamo pensando ad una serie di misure senza però fornire dettagli sulla tempistica e sui modi per attuarle rappresenta una bella differenza in confronto al whatever it takes“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La troika è morta, la Bce non sta bene

prev
Articolo Successivo

Eurocrisi, la Spagna fa cassa anche salassando i turisti Ue. In ospedale

next