Mentre facevamo il processo di Torino, c’era ancora chi nel mondo apriva fabbriche”. Romana Blasotti Pavesi, presidente dell’Afeva (l’Associazione familiari e vittime dell’amianto) si scalda parlando delle grandi multinazionali dell’amianto. Lei, residente a Casale Monferrato, a causa di tumori incurabili ha perso il marito Mario, la sorella Libera, il nipote Giorgio, una sua cugina Anna e la figlia Maria Rosa. “Se in Europa – dice – l’amianto è fuorilegge quasi ovunque, nel resto del mondo sono tantissimi gli stabilimenti che producono e lavorano il materiale cancerogeno”. Una denuncia che anche le associazioni dei familiari delle vittime di diversi Stati hanno lanciato da Casale Monferrato. Lo stesso procuratore aggiunto di Torino Raffaele Guariniello, che ha guidato l’accusa nel processo penale contro i proprietari della Eternit, afferma: “Noi li contiamo i morti per causa d’amianto, ma in India, in Cine e in Russia li stanno contando? Io credo di no”  di Cosimo Caridi

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ilva, Bondi commissario: Vendola critica la nomina. Ma due mesi fa non disse nulla

prev
Articolo Successivo

Gela, fuoriuscita di petrolio dall’Eni. Aperta inchiesta per disastro colposo

next