Nuovo attacco di Beppe Grillo al Presidente della Repubblica, che torna a paragonarlo a Morfeo che “fa un pisolino poi si sveglia e cosa fa? Si ricorda che abbiamo il reato di vilipendio”. L’ex comico si riferisce all’autorizzazione a procedere dei pm nei confronti di 22 utenti del blog di Grillo accusati di vilipendio verso il Capo dello Stato per i commenti pubblicati online. Per il leader del Movimento 5 Stelle, a Sestri Levante del suo Tutti a casa Tour, il “giovane Napolitano”  tace mentre il paese crolla e “Berlusconi tiene per le palle la magistratura”. In più, “non ha detto niente e resta nel suo silenzio, manda la polizia a me e ai miei ragazzi, ma poi fa distruggere le intercettazioni tra lui e Mancino“, ha proseguito. 

Non solo. Napolitano “sta in silenzio in un momento strano, mentre due del Pd fanno una legge per eliminare i movimenti“, anche se “questi senatori”, nonostante gli annunci, non hanno ancora “tolto questa legge”. Un testo contro il quale si è scagliato anche Silvio Berlusconi da cui, però, Grillo prende le distanze: ”Al Tappone si è alleato con me, mi vuole distruggere. Ci manca solo che parli bene di me e io sono rovinato”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Parlamento europeo, Borghezio autosospeso: ora rischia l’espulsione

prev
Articolo Successivo

Fondi Pdl, indagato De Romanis: il consigliere delle feste con maiali e ancelle

next