“Vogliamo fare scelte concrete, scelte con i piedi per terra. Ecco perché non ci sarà un decreto dei miracoli“. Questa l’anticipazione del premier Enrico Letta sul provvedimento che il Consiglio dei Ministri si prepara a varare e sulla cui sorte è legata la stessa durata del governo. Il decreto dovrebbe sospendere il pagamento della rata di giugno dell’Imu. Mentre il Pdl continua a fare promesse con Renato Brunetta, capogruppo Pdl, che ha lanciato un aut aut al governo: “Entro agosto bisogna fare la riforma complessiva della tassazione degli immobili, compresi i capannoni, altrimenti cadrà il governo Letta“. Ma con quali soldi è possibile farlo? La realtà, lo dicono anche i ministri, è non ci sono i fondi e si deve tirare a campare fino all’estate. Quello che c’è dietro i grandi annunci di questi giorni e il poco di concreto che si può realizzare ve lo raccontiamo in edicola. Poi i numeri con gli ultimi sondaggi politici che non premiano la scelta del Pd di fare le grandi intese, mentre vola il Pdl che guadagna 6 punti rispetto all’esito delle elezioni di febbraio. E sempre sul fronte politico c’è la decisione di Silvio Berlusconi di annullare i prossimi comizi elettorali ad eccezione di quello a sostegno di Gianni Alemanno, candidato sindaco a Roma. Il motivo? Il Cavaliere è rimasto particolarmente scosso dalle violenze di piazza avvenute a Brescia. Poi il secondo sfoglio con un ampio reportage da Cannes, dove è in corso il Festival del cinema. Ci vediamo ‘In edicola’: ogni sera le anticipazioni su ilfattoquotidiano.it (riprese e montaggio Samuele Orini e Paolo Dimalio).
Tutte le offerte di abbonamento al Fatto Quotidiano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vilipendio, il Quirinale contro Grillo: “Grossolane e ingiuriose falsificazioni”

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, “L’età dell’innocenza”. Riguarda tutti i video della ventiseiesima puntata

next