Due tifosi del Torino in manette con l’accusa di tentato omicidio. Lo scorso 1 dicembre, in occasione del derby con la Juventus, Francesco Rosato e Domenico Mollica avevano aggredito e ferito in modo gravissimo un supporter bianconero. I due sono stati arrestati nelle loro abitazioni al termine di indagini condotte dalla Digos di Torino.

Gli incidenti scoppiarono quando un corteo di torinisti, composto da almeno 700 persone, raggiunse un settore in cui erano presenti i tifosi bianconeri. Nel violento parapiglia che ne seguì rimasero feriti e contusi anche tre agenti delle forze dell’ordine. Nell’immediatezza dei fatti furono fermati – ma con altre accuse – due tifosi granata e uno juventino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caso Ruby, le ragazze del bunga bunga testimoni silenti come quelli di mafia

prev
Articolo Successivo

Pedofilia, quattro arresti: genitori abusavano dei figli per girare video

next