Non sono una brava fotografa?

“Oggi ho scattato delle foto ad un neonato prematuro di 1.5 kg. Era cosi piccolo che anche usando le ottiche più lunghe che avevo ero solo ad un metro di distanza da lui e mi sentivo troppo vicina. Ogni volta che premevo il pulsante dello scatto, mi sembrava di puntargli una pistola contro. Ma poi ha aperto i suoi occhietti e mi ha sorriso.

Ho scelto di fare la fotografa documentarista per difendere i diritti umani.

Tuttavia, quando fotografo il dramma delle persone mi sento come se non stessi rispettando la loro intimità. Mi chiedo se il fatto di superare certi limiti sottili mi renda una cattiva persona. Dall’altro lato se non li supero vuol dire che non sono una brava fotografa?

Ma se rinuncio alla fotografia, rinuncio anche alla mia battaglia. Quindi, come posso essere vicina ai miei soggetti e rispettare la loro dignità allo stesso tempo?”

FOTO BY Kasia Ciechanowska

Ciechanowska Kasia

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

E’ Africa Cuamm, ombre e luce sul ritmo lento dei villaggi

next
Articolo Successivo

Turchia, esplodono autobombe al confine con la Siria: almeno 40 morti

next