Villa Blanc, tra le più belle ville storiche di Roma, e il suo immenso parco sono abbandonati da anni. La Luiss, l’università di Confindustria, l’ha comprata all’asta, nel 1997, per 6 miliardi e mezzo di vecchie lire e, nel dicembre scorso, ha avviato i lavori. Ospiterà una prestigiosa business school. I comitati cittadini e l’associazione ambientalista Italia Nostra sono sul piede di guerra: “Hanno riservato al municipio un’area, in zona scoscesa, di soli 4 mila metri quadri sui 47 mila mq acquistati dall’ateneo privato dallo Stato, una riserva indiana. Il parco della villa – spiegano – invece, sarà aperto solo nei festivi”. La villa sarà sorvegliata tutti i giorni dalla vigilanza disposta dalla Luiss. “Non pensiamo che lo scopo funzionale di una scuola sia compatibile con l’esigenza di conservazione della villa. Così si trasformerà – denuncia il presidente del comitato Adolfo Rinaldi – in un centro universitario con auto all’interno e il parco smembrato. Il piano regolatore destinava quell’area a verde pubblico”. Anche sul restauro della villa, il professore e architetto Paolo Portoghesi chiede spiegazioni: “Dovrebbe essere garantita la conservazione, ma garanzie in questo senso non ci sono. La Luiss chiarisca le intenzioni del restauro e sia coerente, come università, con la sua missione culturale”. Il direttore dell’università privata Luiss Pier Luigi Celli a ilfattoquotidiano.it spiega: “Quella villa è proprietà privata, è una concessione liberale lasciarla ai cittadini nei giorni festivi, avremmo potuto anche non farlo. Entreranno al massimo una ventina di auto e piante e vegetazione non saranno toccate. Sul restauro – precisa – seguo le indicazioni della Sovrintendenza, non certo dei cittadini”. Sulla possibilità di uno scambio con un’altra sede congrua, Celli chiude: “Stiamo spendendo 25 milioni di euro, il Comune ha avuto, in passato, la possibilità di acquisirla ma ha rifiutato. Noi andiamo avanti, a meno che il comune non paghi l’intero valore della villa”. Ora i cittadini sperano nel nuovo Sindaco di Roma e nel ricorso al Tar  di Nello Trocchia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pannelli solari, per la Difesa gli affari sono affari anche in un’area protetta

prev
Articolo Successivo

Festival dei Comuni Virtuosi: un weekend su ambiente e sostenibilità

next