Odoardo Fioravanti si occupa di Industrial design dal 2003, dopo essersi laureato al Politecnico di Milano. Testimone di una generazione di artisti che guarda alla concretezza e alla solidità, ha vinto nel 2011 il Compasso d’Oro, il premio più prestigioso a livello mondiale nel campo del design. Tra i prodotti che ha ideato, ci sono sedie, strumenti ottici, borse e lampade. Perfino un carro funebre: “Mi capita spesso di disegnare cose che gli altri non vogliono fare”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Salone del Mobile. Perché Milano non ha un museo del design?

next
Articolo Successivo

Unconventional Fuorisalone, camminando in zona Tortona

next