L’anno scorso era stato ilfattoquotidiano.it a testimoniare la presenza di lavoratori in  nero e caporalato al Salone del Mobile di Milano. Quest’anno, alla Fiera di Rho, sono arrivati i controlli congiunti dei carabinieri di e del Nucleo ispettorato del lavoro di Milano durante l’allestimento del Salone. In tutto sono stati controllati 6 padiglioni, ispezionate 45 ditte e identificando 100 lavoratori: 16 sono risultati ‘in nero’ tra cui anche un sedicenne. Tra le aziende non in regola una ditta bulgara.

GUARDA L’INCHIESTA SUL LAVORO NERO AL SALONE DEL MOBILE 2012

Le attività imprenditoriali di tre aziende sono state sospese nell’attesa della regolarizzazione della posizione contrattuale e contributiva dei lavoratori. Sono stati inoltre riscontrati 5 subappalti irregolari “con interposizioni di manodopera non rispondenti ai canoni di legge”, relativamente a quattro aziende lombarde e a una egiziana. Per queste violazioni sono state inflitte sanzioni per oltre 100mila euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fuorisalone 2013, il giro del mondo in una manciata di vie

next
Articolo Successivo

Fuorisalone 2013, #Trecosebelle da fare e vedere tra Porta Venezia e Porta Romana

next