“Non ci può essere un buon governo di questo Paese senza la ricostruzione di un partito che incalzi lo Stato e non che sia però schiacciato sullo stesso Stato. Il partito deve tornare a rappresentare la società”. Questa l’aspirazione espressa da Fabrizio Barca, ministro della Coesione Territoriale, durante la diretta streaming negli studi della web Tv de ilfattoquotidiano.it con lui abbiamo parlato del lavoro svolto dal ministero in questo ultimo anno e mezzo, di Infrastrutture, di Sud e dell’Aquila. A quattro anni dal terribile terremoto che ha devastato il capoluogo abruzzese il ministro presenta il rapporto Stato di attuazione della ricostruzione nel cratere abruzzese’. A confrontarsi con Barca: Peter Gomez (Direttore de ilfattoquotidiano.it), Antonello Caporale (Il Fatto), Lorenzo Galeazzi (ilfattoquotidiano.it) e in collegamento Skype dall’Aquila Alessandro Tettamanti, giornalista di News Town e attivista del “comitato 3e32”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grillo: “Inciuci? Gente prende bastoni”. Ma M5S vuole contare nel voto per il Colle

next
Articolo Successivo

Quirinale 2013, chi volete al Colle dopo Napolitano? Vota il nostro sondaggio

next