È morto il più vecchio indignato del mondo. A 93 anni Stephan Hessel sintetizzò la rabbia delle masse in crisi economica nel libello “Indignez-vous”. Il libriccino di una trentina di pagine, pubblicato da una piccola casa editrice nell’ottobre del 2010, vendette in 3 mesi 700mila copie e oltrepassò i confini dell’Esagono, tradotto nelle maggiori lingue occidentali, finendo con l’esser comprato in oltre 4 milioni e mezzo di copie (in quasi un centinaio di paesi). L’“ottobre 2010” come un nuovo maggio del ‘68, ma non guidato dai giovani studenti, bensì da un ultraottuagenario ex deportato e partigiano anti-nazista, che scrisse il suo j’accuse alla società capitalista e la necessità di un risveglio, un sursaut, un soprassalto di dignità e reazione contro questo male sociale.

Più del contenuto fu il titolo a rimbalzare tra i gruppi di protesta che erano nati e si stavano organizzando sulle due sponde dell’Atlantico. Tra i membri di Occupy Wall Street e ancor più tra le varie emanazioni continentali degli indignados spagnoli il pamphlet divenne uno dei fondamenti del pensiero alternativo alla dittatura della finanza. Ma fu capace di superare i confini settari delle organizzazioni radicali, diffondendosi nella società civile attraverso l’effetto moltiplicatore di stralci del libro breve su molti organi di stampa.

La vita di Hessel, nato a Berlino ed emigrato coni genitori ebrei le cui figure ispirarono i personaggi di Catherine e Jules nel film “Jules et Jim” di Truffaut – in Francia nel 1924, è stata altrettanto intensa e fascinante delle sue parole. Durante la Seconda guerra mondiale fu fatto prigioniero dai suoi ex compatrioti ma riuscì a evadere e a raggiungere il generale De Gaulle a Londra e partecipare così alla Resistenza. Inviato in Francia nel 1944, fu arrestato e deportato nel lager di Buchenwald. Evase di nuovo, venne catturato, ma saltò da un treno e riuscì a unirsi alle truppe alleate. Dopo la liberazione lavorò come diplomatico all’Onu: partecipò alla stesura della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. Il suo impegno mai rassegnato per la “dignità umana” (lo ha ricordato il presidente Hollande) continuò con i sans-papier e la causa palestinese. Nel 2011 scrisse il seguito di “Indignatevi”, “Engagez-vous!” “Impegnatevi” (110 pagine), che ha avuto molto meno successo.

Il Fatto Quotidiano, 28 Febbraio 2013

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Wikileaks, la “talpa” Manning si dichiara colpevole di dieci capi di accusa

next
Articolo Successivo

Usa, discorso tv di Obama per evitare i tagli. Ma i Repubblicani fanno muro

next