Libera e Gruppo Abele hanno portato in piazza la campagna contro la corruzione Riparte il futuro con un un flash mob a Roma davanti al Colosseo. La campagna chiede ai candidati al prossimo Parlamento di aderire attraverso la sottoscrizione di 5 impegni, tra questi la revisione dell’articolo del codice penale, il 416 ter che norma lo scambio elettorale politico mafioso, oltre alla dichiarazione del proprio stato reddituale e penale. Al momento sono oltre 900 i candidati ‘trasparenti’. Bocciati il Pdl con appena tre adesioni e la Lega Nord, una sola adesione. “Hanno ancora una settimana – spiega Eugenio Orsi, responsabile digitale della campagna – speriamo aderiscano anche altri. Noi siamo fiduciosi perché l’Italia, anche attraverso la nostra iniziativa, deve mettersi al passo con l’Europa adeguando la propria legge anti-corruzione e garantendo la piena trasparenza degli eletti”  di Nello Trocchia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lecce, Adriana Poli Bortone (Grande Sud) condannata per danno erariale

prev
Articolo Successivo

Tangenti, perché Berlusconi ha torto

next