I punti di distacco tra centrodestra e centrosinistra hanno una fasatura variabile a  seconda dei sondaggi. Dai quali, tuttavia, emerge una tendenza univoca: il Partito democratico continua a perdere consensi nelle intenzioni di voto degli italiani. L’ultima conferma arriva dalle rivelazioni giornaliere di Tecnè per SkyTg24, che danno la coalizione Pdl-Lega a soli quattro punti da Bersani e soci (28,9% contro 32,9%): i primi guadagnano meno di mezzo punto percentuale, i secondi perdono l’1,3%. Una previsione che acquista ancor più interesse poiché datata due febbraio, ovvero in pieno scandalo Mps e 24 ore prima della trovata di Silvio Berlusconi, che ha promesso di rimborsare l’Imu. L’attesa, ora, si sposta tutta sulle prossime rilevazioni, che a questo punto dovranno cercare di quantificare “l’effetto Imu“. Secondo i politologi vicini al Cavaliere la proposta choc porterebbe un 2% in più dei consensi, stessa cifra quantificata subito dopo l’exploit a Servizio Pubblico e nelle ore successive all’acquisto di Mario Balotelli.

Nei due precedenti, passata la sbronza d’entusiasmo le previsioni si andarono normalizzando. Tuttavia la tendenza è sempre la stessa: il centrodestra sale (seppur lievemente), il centrosinistra scende. E non di poco. Da parte sua, però, Bersani conta di rispondere virtualmente all’effetto Imu con ‘l’effetto Renzi‘, che per i sondaggisti potrebbe valere il 4% (più della scia negativa dello scandalo senese, di Balotelli e del rimborso Imu messi insieme). E venerdì il segretario e il sindaco di Firenze sono stati sul palco insieme, a Firenze, proprio per questo motivo (anche se l’incontro era già programmato).

Secondo il sondaggio giornaliero di Tecnè, inoltre, a salire nei consensi non è solo il Pdl, ma anche Rivoluzione civile di Antonio Ingroia (+0,5%) e il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, che si conferma al terzo posto con il 16,5%, mentre Scelta civica di Monti (insieme a Udc di Casini e Fli di Fini) è al 13,2%. Il M5S, inoltre, secondo la rilevazione di Renato Mannheimer per il Corriere della Sera sarebbe il primo partito tra gli under 23 (30,4%). A seguire, seppur di poco, il Partito democratico, mentre il Pdl è staccatissimo con il 12-13% dei consensi dei giovani.

In serata la Eeg di Fabrizio Masia ha diffuso il consueto sondaggio del lunedì e il trend è identico, nel senso che c’è il centrosinistra che cala e il centrodestra che aumenta. In questo caso però la coalizione di Bersani ha un vantaggio di 8 punti su quella di Berlusconi e Maroni: 35,9 contro 27,9. Monti raccoglie il 14,6, il Movimento Cinque Stelle il 14,5 e Rivoluzione Civile il 4,6. 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ecco la proposta choc del Pd

next
Articolo Successivo

Borsa, Piazza Affari sprofonda e lo spread sale a 285 punti

next