Si comincerà con il Movimento Cinque Stelle, poi toccherà al centrodestra (la Lega si presenterà insieme al Pdl) e si finirà con il Pd nel pomeriggio. E’ il calendario di giovedì delle consultazioni programmato dal Quirinale. Le consultazioni inizieranno mercoledì dopo che si sono costituiti tutti i gruppi parlamentari. Il primo giorno di colloqui per Giorgio Napolitano sarà mercoledì a partire dal presidente del Senato Pietro Grasso. A seguire, alle 10,45, toccherà alla presidente della Camera Laura Boldrini. Alle 11,30 e alle 12 sarà il turno dei gruppi misti rispettivamente del Senato e della Camera. Alle 12,30 Napolitano riceverà il gruppo della Südtiroler Volkspartei, che alle 12.50 sarà seguita dai rappresentanti delle minoranze linguistiche della Val d’Aosta. Si riprenderà poi nel pomeriggio, alle 16.30, con il gruppo del Senato che riunisce le Autonomie locali e i rappresentanti del Psi. Alle 17 toccherà al gruppo della Camera di Sinistra ecologia e libertà, mentre alle 18 da Napolitano arriveranno i gruppi parlamentari di Scelta Civica.

Come detto, il capo dello Stato registrerà tutte le principali prese di posizione giovedì: alle 9,30 da Napolitano si presenteranno i gruppi del Movimento Cinque Stelle, alle 10,30 l’intero centrodestra (Pdl, Lega Nord e Autonomie), alle 12,15 l’unico presidente emerito della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, mentre a fine giornata – alle 18 – concluderanno le consultazioni i gruppi parlamentari del Partito Democratico.

Oltre ai capigruppo M5S probabilmente con Grillo al Quirinale per le consultazioni ci sarà anche Gianroberto Casaleggio, cofondatore del Movimento 5 Stelle. A dirlo è stato il capogruppo al Senato dei Cinque Stelle Vito Crimi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5S e Pd, programmi a confronto: la riforma Fornero

prev
Articolo Successivo

M5S e Pd, programmi a confronto: l’energia

next