Dall’elezione a sindaco al giudice. E’ la storia del neo sindaco di Imperia, Carlo Capacci, che ha saputo strappare al centrodestra il feudo di Claudio Scajola. Domani, giorno del suo insediamento, dovrà comparire davanti al gup Ottavio Colamartino, con l’accusa di maltrattamenti in famiglia nei confronti dell’ex moglie. Il processo si svolgerà con rito abbreviato. I fatti risalgono al 2007, quando la coppia era in fase di divorzio. La donna presentò una denuncia di maltrattamenti nei confronti dell’ex marito. Alla chiusura delle indagini il pm aveva chiesto l’archiviazione, a cui si è opposta la parte offesa. A marzo, il gip al termine dell’udienza di opposizione ha formulato l’imputazione coatta.

E se l’avvocato di Capacci pensa alla difesa, il neo sindaco pensa alla formazione della Giunta che sarà nominata entro una settimana, ma è riserbo su nomi e numero dei componenti. Intanto stamani Capacci è stato in Comune dov’e stato accolto dal commissario prefettizio, Sabatino Marchione, che gli ha consegnato simbolicamente le chiavi della città. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni amministrative 2013, il Pdl campano lacerato da faide e processi

prev