La congiuntura aguzza l’ingegno: in attesa di una timida ripresa, smesso ormai il sogno di un nuovo miracolo italiano, i cittadini dello stivale sembrano conservare la proverbiale elasticità e brillantezza nell’inventarsi nuove occupazioni. C’è l’amministratore di condomini “con specializzazione nel sedare risse”, la professionista nel solletico ai piedi, lo spalatore di letame a cui si offre un contratto a tempo indeterminato. D’altra parte, in un paese dove Bankitalia stima il tasso di disoccupazione al 12% nel prossimo 2013, mentre il livello di inattività dei giovani italiani sfiora già il 37%, per sbarcare il lunario c’è chi le pensa tutte, con una predilezione verso le professioni più solide e anticongiunturali: la crisi lascia i lavoratori in mutande? Qualcuno di questa condanna ne ha fatto una professione, la più vecchia del mondo, inventandosi anche cuoco: così nascono gli chef-gigolò.

Ecco quindi la storia di Pascal (raccontata sul sito Sex and Rome), che da due anni veste i panni del gigolò a Roma. Ma più che vestirli, Pascal i panni se li toglie per mettersi in cucina: «Nell’ultimo anno ho avuto un calo di richieste, vuoi la crisi, vuoi che questo ambiente è pieno di concorrenza, e poi le donne hanno sempre bisogno di nuovi stimoli». E allora il giovane ha seguito corsi di cucina elaborata e adesso offre cena e dopo-cena nello stesso pacchetto: «Il menù? Si adatta alle esigenze delle signore. Cerco sempre di sapere in anticipo i gusti della mia cliente e comunque mi trovo spesso nudo mentre servo le portate».

Pascal specifica che non sempre si finisce a letto, anche se alla fine – sesso o non sesso – la tariffa è la stessa. Quanto? Si va dai 500 agli 800 euro per la cena fino ai 1000-1200 euro per cena e dopocena: i gigolò sono un mercato a parte, che non segue ad esempio quello delle escort e quindi non ci sono tariffari fissi. Sui menù del giovane in affitto non c’è niente di prestabilito, lo chef si muove tra grandi classici e sperimentazioni elaborate, cercando di valorizzare le preferenze della commensale. Certo, le clienti hanno vezzi e gusti particolari, che spesso esulano dal cibo in tavola: «Una volta – racconta Pascal – una donna ha rifiutato di mangiare, mi ha insultato dicendo che le avevo preparato una cena disgustosa e ha ordinato la pizza. Dopo essere andati a letto insieme mi ha detto che era stato tutto uno stratagemma per eccitarsi: a lei piaceva maltrattare gli uomini». Insomma, aumentano purtroppo i giovani disposti a tutto. E per non abbattersi e cedere alla disperazione, c’è chi è disposto a vendere anche se stesso. Oppure ad appendere al chiodo la propria laurea per fare il pupazzo: è successo veramente, in Inghilterra, dove Jamie Fox, un ragazzo inglese di 22 anni laureato in musica e letteratura all’Università di Bangor, lavora come spaventapasseri in un campo per circa 300 euro a settimana.

www.puntarellarossa.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

BUONO! Dove mangiano i grandi cuochi

di Francesco Priano e Luca Sommi 15€ Acquista
Articolo Precedente

Dolore, ricercatori: “Aragoste e granchi soffrono”. Appello agli chef

next
Articolo Successivo

Jamie Oliver, chef 2.0: lo show è in diretta su YouTube

next