“Ho chiesto un atto di generosità a Cosentino, ancora non posso dire se è  fuori. La sua posizione è ancora sub iudice”. Ospite di Maria Latella a SkyTg24, Silvio Berlusconi conferma che nel Pdl la questione “impresentabili” è ancora completamente aperta, oggetto di un duro scontro interno, mentre incombe la scadenza per chiudere le liste elettorali, che devono essere depositate entro le ore 20 di lunedì 21 gennaio.

Dell’Utri e Scajola”, ha continuato Berlusconi, sono sicuramente fuori dalle liste, “probabilmente anche Milanese e Papa”. In realtà Marcello Dell’Utri e Scajola ha rinunciato spontaneamente a presentarsi. Dell’Utri ha spiegato a Il Fatto Quotidiano di non voler essere considerato responsabile di un’eventuale sconfitta del Pdl e Claudio Scajola aveva fatto la stessa cosa ieri, spiegando di non  volersi più sentire “sotto esame”

“Abbiamo chiesto anche a Cosentino – ha spiegato Berlusconi- di fare lo stesso atto di generosità, anche se nel fare queste richieste ci sentiamo male, perché si tratta di persone che stimiamo e che sono ingiustamente perseguitate dai giudici. Sono persone a posto: Dell’Utri è una persona straordinaria, ha bellissima famiglia, è un uomo di grande cultura, ha quattro figli, è un cattolico praticante”.

Quanto a Cosentino, afferma il Cavaliere, “è un imprenditore che è stato accusato di avere chiesto un sostegno a un’associazione mafiosa. Invece lui, non è mai stato in campo per le elezioni singolarmente, ma sempre nel listino. Io ho letto tutte le carte, su Cosentino non c’è nulla. E’ ancora sub iudice, aspettiamo cosa dirà il comitato in proposito”. 

Berlusconi è quindi tornato ad attaccare la magistratura: “Questa è la patologia della mostra democrazia. Abbiamo una magistratura frequentata da persone che troppo spesso non hanno rispetto della dignità e libertà degli uomini, il 50 per cento degli accusati viene poi trovata innocente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Monti al Corriere: “Non rimettiamo l’Italia nelle mani degli incapaci”

prev
Articolo Successivo

Elezioni 2013, Bersani riparte da Bettola. E attacca Monti e Berlusconi

next