“Come cittadino lombardo e milanese credo che vedrei bene Gabriele Albertini alla guida della Lombardia“. Così Mario Monti, presidente del Consiglio uscente, dichiara a margine della sua partecipazione alla trasmissione radiofonica Radio Anch’io. Il Professore ha commentato la candidatura dell’ex sindaco di Milano ai giornalisti del Tgr Rai. “Posso dire che conosco Gabriele Albertini da molto tempo – ha continuato – e noto in lui, come i cittadini di Milano hanno potuto notare nel corso degli anni, una notevole capacità a gestire concretamente i problemi reali e di questo ha dato prova anche nei suoi anni come parlamentare europeo”. Albertini ha ringraziato Monti ricordando che è una delle quattro persone a cui, nei suoi nove anni da sindaco, ha consegnato la grande medaglia d’oro (massimo riconoscimento del Comune di Milano) insieme a Indro Montanelli, il cardinale Carlo Maria Martini e Riccardo Muti. Nel frattempo l’ex sindaco ha ricevuto anche l’endorsement dell’Udc: non è ancora stata data l’ufficialità, ma il segretario dell’Udc, Lorenzo Cesa, ha già parlato con Albertini.

L’ex premier appoggia dunque l’ex sindaco di Milano in quella che si profila come una corsa a tre con Umberto Ambrosoli, candidato per il centrosinistra dopo aver vinto le primarie, Albertini appunto (che ha il sostegno di Formigoni, ma si è sfilato dal Pdl per correre con una lista civica) e Roberto Maroni, candidato della Lega. Non è ancora chiaro chi tra Albertini e Maroni verrà sostenuto dal Popolo della libertà, ma sembra essere il leghista il più vicino a un’alleanza con Silvio Berlusconi anche in vista delle elezioni nazionali. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni 2013, Monti in campagna elettorale. E arrivano i web alfieri

prev
Articolo Successivo

Vendola contro Monti: “Ha imparato da Berlusconi abuso dei media”

next