Riporto qui di seguito quanto pubblicato da uno dei miei amici sul mio spazio Facebook:

“Risuonano nel mio animo ancora il pianto e le proteste, dei parenti delle vittime dell’ultima strage, ignobile strage in val di Sambro (La strage del Rapido 904 ). Io mi chiedo questo, cinque stragi abbiamo avuto tutte con lo stesso marchio d’infamia e i responsabili non sono ancora stati assicurati alla giustizia. I parenti delle vittime e il popolo italiano non chiedono vendetta ma chiedono giustizia ed hanno ragione di chiedere giustizia. Io ho l’animo preoccupato per questo.

I servizi segreti sono stati rinnovati. Gli antichi servizi segreti erano stati inquinati dalla P2 ,da questa associazione a delinquere… i nuovi servizi segreti cerchino di indagare non si stanchino di indagare, non si fermino ad indagare in Italia, vadano anche all’estero, cerchino di assicurare alla giustizia i colpevoli. Deve essere resa questa giustizia a questi parenti e al popolo italiano”.

Discorso del Presidente della Repubblica Sandro Pertini, 31 dicembre 1984

Sono passati 29 anni, le stragi terroristiche ed eversive  in Italia sono passate da 5 a 15 compresa quella di via dei Georgofili del 27 Maggio 1993 che tanto da vicino ci riguarda, per l’esattezza la strage  relativa alla trattativa  Stato-Mafia, la così detta strage del 41 bis   e a nessuno è mai più venuto in mente seriamente di spronare quanti di competenza a dare al popolo Italiano e ai parenti delle vittime giustizia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La lenta giustizia italiana

next
Articolo Successivo

Lombardia, Lazio, Piemonte tra fondi e rimborsi. L’anno orribile delle Regioni

next